Il nickel è un oligoelemento presente un po' ovunque. E' in gran parte utilizzato per la produzione di acciaio Inox dal quale ne derivano apparecchiature varie, tegami e posate, ma anche bigiotteria, monete, parti metalliche degli occhiali, chiavi maniglie delle porte ecc. Presente anche nei coloranti per oggetti di vetro, in tinture per capelli, cosmetici.
Molti cibi contengono nickel, sia perché alcuni ne sono particolarmente ricchi sia perchè viene trasmesso dai contenitori in cui sono conservati. L'introito medio con la dieta è di 300-600 μg al giorno. Il fabbisogno giornaliero sembrerebbe essere intorno ai 25-35μg ma il ruolo del nickel nelle funzioni biochimiche non è chiaro. Il contenuto di nickel nei vegetali è quattro volte superiore a quello dei prodotti animali ed è fortemente influenzato dalle concentrazioni del metallo nel terreno, varia da luogo a luogo con un aumento della concentrazione in primavera e in autunno.
L'assunzione dietetica giornaliera pertanto cambia a seconda della quantità del consumo di vegetali e alimenti di origine animale.
Il nichel è la causa più frequente di allergia ai metalli; produce dermatite allergica da contatto. Le mani sono le sedi più comunemente colpite per la dermatite nickel sistemica. Tuttavia, altre zone del corpo possono essere interessate. Più sensibili le donne (circa il 10%) rispetto agli uomini. Sono colpite tutte le fasce di età ed è più presente in alcuni ambiti professionali fra cui i parrucchieri in cui il tasso di prevalenza si aggira intorno al 27-38%.

Sono stati condotti studi sugli apparecchi ortodontici ma la misura in cui possono causare allergie da contatto dovuta al rilascio di nickel è ancora controversa, si può presumere che gli apparecchi ortodontici non rilasciano valori signifi cativi di nichel tale da essere un fattore di rischio per la salute del paziente.
Il grado e il modello di allergia al nickel varia:

  • Alcune persone presentano dermatiti anche con brevi contatti con oggetti contenenti nichel, mentre altre sviluppano allergia solo dopo molti anni di contatto.
  • Alcune persone sviluppano eczema, spesso molti anni dopo la sensibilizzazione primaria. Può essere dovuto al contatto continuo con detergenti, monete e altri oggetti che contengono nichel.

Del nickel ingerito con la dieta solo un 1-10% viene assorbito. Non è significativamente accumulato in nessuna parte del corpo anche se Tiroide e Surreni hanno concentrazioni di nickel particolarmente elevate rispetto ad altri organi.
L'accurata selezione di prodotti alimentari con una concentrazione di nichel relativamente bassa, può comportarne la riduzione della assunzione dietetica giornaliera e pertanto, una buona conoscenza della presenza di nichel negli alimenti è utile per la gestione di allergia al nichel.

Da ricordare:

  • Evitare tutti i cibi che contengono un alto contenuto di nichel: cacao, cioccolato, semi di soia, farina d'avena, farina di mais, farina integrale, noci, mandorle, legumi freschi e secchi, rabarbaro, cipolle, spinaci, asparagi, pomodori, margarina, pere sia fresche che cotte, lievito in polvere liquirizia forte.
  • Evitare tutte le bevande e gli integratori vitaminici con nickel e cibo in scatola.
  • Carne, pollame e uova sono adatti per la dieta a basso contenuto in nichel.
  • Fatta eccezione per alcune varietà di pesci che mostrano elevata concentrazione di nichel, come tonno, aringhe, crostacei, salmone e sgombro, altri pesci possono essere utilizzati per la dieta a bassa quantità di nickel.
  • Il latte e derivati quali, formaggi stagionati, ricotta e formaggi freschi, yogurt, burro posso essere consumati così come ortaggi e patate.
  • In piccole quantità cavolfiore, cavolo, lattuga, carote, riso raffinato, farina bianca, marmellata, vino, birra, caffè, frutta fresca (escluse le pere).
  • Si consiglia l'uso di pentole smaltate, in vetro, alluminio, vetroceramica.
  • Gli acidi e gli alimenti aciduli in genere possono portare alla dissociazione del nickel dagli utensili e possono aumentare il contenuto di nickel del cibo.
  • Si può verificare un accumulo di nickel nelle tubature dell'acqua durante la notte; pertanto la prima acqua che esce dal rubinetto la mattina non deve essere bevuta o usata per cucinare.

Nota: i consigli dietetici forniti sono puramente indicativi e possono richiedere adattamenti da parte del Medico sulla base della situazione clinica individuale

Autore: Prof.ssa Francesca Pasqui, Università di Bologna