Chi ha il colesterolo alto deve eliminare i formaggi?


Per non rischiare di avere il colesterolo alto, spesso si eliminano i formaggi dall’alimentazione. Se i valori totali di colesterolo nel sangue sono borderline si evitano, mentre vengono aboliti del tutto se si soffre di ipercolesterolemia ( qui i valori normali). È indubbio che il colesterolo sia un grasso presente quasi esclusivamente nel regno animale, in quanto parte essenziale della membrana cellulare di ogni creatura, ma proprio per questo è presente ovunque ci siano cellule: carne di tutti i tipi , latte e derivati , uova , bottarga , caviale , etc. In particolare, si pensa spesso che i grassi saturi del formaggio favoriscano l’aumento della colesterolemia, anche se vi sono studi scientifici controversi. I medici consigliano di tenere sotto controllo il colesterolo perché alti livelli di questa molecola aumentano il rischio cardiovascolare , suggerendo quindi di alimentarsi in modo adeguato, nonostante l’alimentazione contribuisca poco al fabbisogno di colesterolo dell’organismo (la maggior parte di quello circolante è prodotta dal fegato ). Questa raccomandazione nasce perché, nei paesi occidentali, il consumo di prodotti animali è superiore a quanto consigliato dalle linee guida, quindi meglio tenere alta la guardia e non mangiare formaggi più di quanto sia indicato dalla Scienza dell’Alimentazione. Tuttavia, questa indicazione è stata spesso travisata e, unitamente ad altre convinzioni legate all’ alimentazione vegetariana , ha fatto nascere e diffondere credenze che poco hanno a che fare con la Scienza della Nutrizione Umana. Pertanto, la convinzione che per non rischiare di avere alti livelli di colesterolo si debba smettere di mangiare formaggi è errata.

La verità scientifica:

  • Quanto colesterolo mangiare?
    Le linee guida delle varie società scientifiche internazionali non indicano la giusta quantità di colesterolo da assumere con l’alimentazione, ma si concentrano piuttosto sui fabbisogni quotidiani di macronutrienti e micronutrienti . In alcuni casi, la quantità di colesterolo consigliata per una dieta media da 2000 kcal è di circa 200 mg quotidiani . Questo significa che con un solo uovo si raggiunge tale soglia, con una porzione (100 g) di stracchino si copre il 45% della quantità giornaliera consentita, con una porzione (50 g) di Grana Padano DOP il 27% , con 100 g di petto di pollo il 30% e con 100 g di carne d’agnello (grassa) quasi il 40%. *
  • Colesterolo negli alimenti
    Molti credono che il colesterolo si trovi solo negli alimenti “grassi”, in particolare quelli con tanti grassi saturi, invece si trova anche in quelli “magri”. Mettiamo a confronto grassi saturi e colesterolo contenuti in 100 g di alcuni alimenti: il burro ha 49 g di grassi saturi e 250 mg di colesterolo ; la mozzarella di vacca 11 g di saturi e 46 mg di colesterolo ; lo stracchino 15 g di saturi e 90 mg di colesterolo ; il Grana Padano DOP 17 g di saturi e 109 mg di colesterolo ; il pecorino 17 g di saturi e 104 mg di colesterolo , nelle uova , infine, vi sono 3 g di grassi saturi e 371 mg di colesterolo .** Pertanto, la quantità di colesterolo non è proporzionale al contenuto di grassi saturi .
  • Grassi dei formaggi
    Comunemente si pensa che i formaggi contengano solo grassi saturi, cioè quelli che hanno più possibilità di incidere sull’aumento del colesterolo, ma non è così . Nel latte di vacca troviamo, in media, il 50% di grassi saturi e il 50% di quelli insaturi. A seconda delle varie lavorazioni, nei formaggi troviamo entrambi i grassi, ma in proporzioni differenti. Il Grana Padano DOP contiene il 68% di grassi saturi, il 28% di monoinsaturi (come quelli dell’olio d’oliva ) e il 4% di polinsaturi (come quelli del pesce o delle noci ).Questo formaggio contribuisce inoltre al fabbisogno quotidiano di importanti nutrienti: proteine ad alto valore biologico, inclusi i 9 aminoacidi essenziali, tanto calcio , zinco , selenio , vitamina A , B2 e B12 , ma non contiene lattosio . Date le sue caratteristiche nutritive, il Grana Padano DOP può essere inserito nella dieta varia ed equilibrata di persone intolleranti al lattosio , con ipercolesterolemia , ipertrigliceridemia e ipertensione .

Ricorda:
Rinunciare ai formaggi per il timore di alzare i livelli di colesterolo non è una buona abitudine alimentare, poiché ci si priva dei buoni nutrienti del latte (proteine, calcio, vitamine). Se consumati con le giuste modalità e frequenze e nelle corrette quantità, i formaggi non rappresentano un rischio per chi ha il colesterolo alto.

*, ** Fonte:  Banca Dati di composizione degli Alimenti per studi epidemiologici in Italia, IEO (Istituto Europeo di Oncologia)

Collaborazione scientifica Dott.ssa Carolina Poli , dietista specializzata in Alimentazione e Nutrizione Umana.


Attività promozionale cofinanziata con fondi comunitari dal PSR Lombardia 2014-2020 operazione 3.2.01