Associazione tra dieta e resistenza antimicrobica negli adulti statunitensi sani

La resistenza antimicrobica (AMR) rappresenta una fonte significativa di morbilità e mortalità in tutto il mondo, in futuro ci si aspetta che le conseguenze associate all'AMR continueranno a peggiorare nei prossimi decenni. Poiché la resistenza agli antibiotici è codificata nel microbioma, gli interventi volti ad alterare la composizione tassonomica dell'intestino potrebbero consentirci di progettare microbiomi in modo profilattico che ospitano meno geni resistenti agli antibiotici (ARG). La dieta è un metodo di intervento, eppure si sa poco sull'associazione tra dieta e resistenza agli antimicrobici. Per colmare questa lacuna di conoscenza, è stata esaminata la dieta utilizzando il questionario sulla frequenza degli alimenti (FFQ; dieta abituale) e recall dietetici nelle 24 ore (strumento ASA24® autosomministrato automaticamente nelle 24 ore) insieme a un'analisi del microbioma utilizzando il sequenziamento del metagenoma in 290 partecipanti adulti sani dello studio di fenotipizzazione nutrizionale del Dipartimento dell'agricoltura degli Stati Uniti (USDA). È emerso che gli aminoglicosidi erano il meccanismo più abbondante e prevalente di AMR in questi adulti sani e che l'aminoglicoside-O-fosfotransferasi (aph3-dprime) era correlato negativamente con le calorie totali e l'assunzione di fibre solubili. Gli individui nel quartile più basso di ARG (basso-ARG) consumavano significativamente più fibre nella loro dieta rispetto agli individui con ARG medio e alto, il che era concomitante con una maggiore abbondanza di anaerobi obbligati, specialmente dalla famiglia delle Clostridiaceae, nel loro microbiota intestinale. Infine, è stato applicato l'apprendimento automatico per esaminare 387 caratteristiche dietetiche, fisiologiche e di stile di vita per le associazioni con la resistenza antimicrobica, scoprendo che una maggiore diversità filogenetica della dieta era associata a individui a basso ARG. Questi dati suggeriscono che la dieta potrebbe essere un potenziale metodo per ridurre il carico di AMR

Fonte: Andrew Oliver, Zhengyao Xue, Yirui T Villanueva, Blythe Durbin-Johnson, Zeynep Alkan, Diana H Taft, Jinxin Liu, Ian Korf, Kevin D Laugero, Charles B Stephensen, David A Mills, Mary E Kable, Danielle G Lemay “Association of Diet and Antimicrobial Resistance in Healthy U.S. Adults” mBio. 2022 28;13(3):e0010122.