Indice:

Extrasistole e palpitazioni

Un battito che "salta", un improvviso breve vuoto al cuore, quella sensazione che noi chiamiamo “palpitazione”, il cardiologo la chiama “extrasistole”. L’extrasistole è un battito “aggiunto” o “irregolare” rispetto al normale battito cardiaco, ma che non è preoccupante se l’evento è sporadico. Tutti possiamo avere ogni tanto un’extrasistole, invece, se sono frequenti, le extrasistoli possono essere un problema. Se poi sono numerose possono causare altri tipi di anomalie a livello cardiaco.

Palpitazioni: cause

Le cause delle extrasistoli possono essere varie: a volte vanno ricercate in patologie cardiache, altre ancora in patologie non cardiache. Spesso però vanno ricercate negli stili di vita: abuso di alcol, fumo, droghe, problemi ormonali, scorretta alimentazione, sedentarietà, ansia, farmaci e altre ancora.

Extrasistole dopo aver bevuto alcol

Il consumo di bevande o cibi stimolanti:

  • grandi quantità di caffè, soft drink con caffeina, energy drink, e cioccolato possono aumentare la frequenza cardiaca e stimolare l'insorgenza di extrasistoli, in particolare in persone con noti problemi cardiaci.

L’eccesso di alcol può causare extrasistoli come capita quando beviamo qualche bicchiere di troppo,

  • infatti, un uomo non dovrebbe bere più di 2 bicchieri di vino da 125 ml o 2 birre da 330 ml al giorno e una donna solo uno.
  • Tutti dovrebbero evitare il binge drinking (abbuffata alcolica) anche se solo nel fine settimana.

Fumo e extrasistole

Sigarette e tutti i prodotti che si fumano a base di tabacco, contengono diverse componenti che, con la combustione, sprigionano più di 4000 sostanze chimiche.

  • La nicotina e gli additivi delle sigarette sono in grado di aumentare la frequenza cardiaca e favorire le extrasistoli, che potrebbero persistere anche quando smettiamo di fumare e tuttavia risolversi in tre o quattro settimane.

Extrasistole e attività fisica

L'attività fisica fa bene al cuore e a tutto il corpo, ma va condotta nel modo corretto in particolare se l’esercizio fisico è intenso.

  • Se siamo fuori allenamento, ricominciare improvvisamente non fa bene così come fare sport e attività agonistica quando non siamo in forma, esempio quando siamo raffreddati. Ciò potrebbe causare infatti qualche extrasistole.
  • Se invece siamo allenati e le extrasistoli sono tante, soprattutto se si presentano sotto sforzo, quando siamo in attività come in una gara, è bene sottoporci a una vista da un cardiologo dello sport.

Extrasistole e alimentazione

Il cuore funziona meglio se adottiamo una dieta equilibrata (qui puoi scaricare gratuitamente una dieta equilibrata) che apporti tutti i nutrienti di cui abbiamo bisogno in equilibrio tra loro. Infatti, la carenza di ferro (anemia sideropenica) incide sulla formazione dell’emoglobina, la proteina che trasporta l’ossigeno alle cellule, cuore compreso.

  • La minore concentrazione d’ossigeno mette sotto stress il cuore e può causare palpitazioni.
  • L’alimentazione incide sul buon funzionamento della tiroide che produce ormoni per regolare il metabolismo, quando funziona troppo (ipertiroidismo) la tiroide è in grado di accelerare il battito cardiaco e causare extrasistoli, così come quando assumiamo un dosaggio eccessivo di farmaco per la tiroide quando questa funziona poco .
  • Quando il livello di zucchero nel sangue è troppo basso favorisce il rilascio di adrenalina in grado di aumentare la frequenza cardiaca e favorire le extrasistoli.
  • Alcuni minerali sono indispensabili per il buon funzionamento del cuore: potassio, magnesio e calcio, perché intervengono nella trasmissione dell’impulso nervoso e nella contrazione muscolare, compresa quella del cuore.
  • La carenza di calcio può causare extrasistoli, il minerale, di cui latte e derivati sono ricchi, è presente nel Grana Padano DOP che apporta la maggiore quantità di calcio tra tutti i formaggi comunemente consumati, oltre a ottime proteine indispensabili per il metabolismo dei muscoli compreso il cuore.

Extrasistole: cause non cardiologiche

Febbre:

  • lo stato febbrile è una condizione di stress per il nostro organismo: questo, insieme all'accresciuto consumo di energia, favorisce le extrasistoli.

Cambiamenti ormonali:

  • gli ormoni regolano il nostro umore ma anche il nostro cuore. Lo sanno bene le donne che, in prossimità del ciclo mestruale o della menopausa, possono sperimentare occasionali extrasistoli. Generalmente è un fenomeno passeggero, tuttavia se a sperimentarle è una donna incinta è bene sottoporsi a un controllo medico.

Stress e ansia:

  • quando ci sentiamo sotto tensione, stress, ansia, il nostro corpo reagisce attivando il sistema nervoso con il rilascio di sostanze, come l’adrenalina: la nostra frequenza cardiaca e la pressione arteriosa aumentano, e ciò può favorire le extrasistoli.

Farmaci:

  • diversi farmaci possono causare un aumento di frequenza cardiaca e dar luogo a occasionali extrasistoli: tra questi ci sono gli anoressizzanti (usati per perdere peso), i principi attivi per trattare l’asma e per la tosse, gli antipiretici, ma anche alcuni antipsicotici, antibiotici e antifungini (farmaci prescritti contro le infezioni da funghi).

Uso di droghe:

  • cocaina, amfetamine e ecstasy sono molto pericolose: stimolano il sistema nervoso, innalzano la pressione arteriosa, aumentano la frequenza cardiaca e possono causare aritmie e danni al cuore e non solo semplici extrasistoli.

Extrasistole: cause cardiologiche

Alla base delle extrasistoli potrebbero esserci cause cardiologiche sintomo di una patologia più o meno severa, come:

  • cardiomiopatia, un problema ereditario del cuore,
  • valvulopatia, mal funzionamento di una delle valvole che regolano il flusso del sangue in entrata e uscita dal cuore,
  • coronaropatia, mal funzionamento dei vasi che portano il sangue al cuore.

Se le extrasistoli non sono sporadiche e/o si presentano sotto sforzo e/o si associano ad altri sintomi come vertigini, mancanza di fiato, stanchezza, dolore al petto, perdita di coscienza occorre consultare al più presto un medico o andare al pronto soccorso.

Collaborazione scientifica
Dott.ssa Silvia Castelletti,
Cardiologa presso l’Istituto Auxologico Italiano IRCCS Milano, Ambulatorio di Cardiologia dello Sport e Unità di Risonanza Magnetica Cardiaca.

Bibliografia essenziale
  • Castelletti S et al. "Molecular genetic testing in athletes: Why and when a position statement from the Italian Society of Sports Cardiology" International Journal of Cardiology 2022 Oct 1;364:169-177.
  • Corrado D et al. "How to evaluate premature ventricular beats in the athlete: critical review and proposal of a diagnostic algorithm" British Journal of Sports Medicine. 2020 Oct;54(19):1142-1148.
  • Zeppenfeld K et al. 2022 "ESC Guidelines for the management of patients with ventricular arrhythmias and the prevention of sudden cardiac death: Developed by the task force for the management of patients with ventricular arrhythmias and the prevention of sudden cardiac death of the European Society of Cardiology (ESC) Endorsed by the Association for European Paediatric and Congenital Cardiology (AEPC)". European Heart Journal, Volume 43, Issue 40, 21 October 2022, Pages 3997–4126
Avvertenze

Le informazioni riportate in questo sito hanno solo scopo informativo e non devono intendersi come diagnosi, terapia, o prescrizioni di un farmaco, e in alcun modo sostituire il rapporto medico-paziente. La redazione si raccomanda di chiedere sempre al proprio medico di famiglia o allo specialista il parere su qualsiasi indicazione sia riportata nelle nostre informazioni. In caso di malessere è consigliabile rivolgersi al proprio medico di famiglia o al pronto soccorso.